Autolettura

Comunicaci la lettura aggiornata del tuo contatore.

È possibile comunicare i vostri consumi solamente in periodi prestabiliti, che variano da utente ad utente. Per conoscere il periodo utile,
consultare l'area messaggi sull'ultima bolletta oppure consultare la tabella dei periodi per l'Autolettura su questo sito.


Cosa è un' autolettura?
L'autolettura è la procedura con la quale il cliente può informarci dell'effetivo consumo del proprio contatore del GAS.

A cosa serve?
Serve a noi per mantenere aggiornato l'archivio dei vostri consumi e conseguentemente a voi per ricevere una fatturazione esatta.

Quando si può effettuare?
È possibile comunicare i vostri consumi solamente in periodi prestabiliti, che variano da utente ad utente.
Per conoscere il periodo durante il quale potete comunicare la lettura del vostro contatore,
consultare l'area messaggi sull'ultima bolletta oppure consultare la tabella dei periodi per l'Autolettura su questo sito.


Come si effettua?
Per prima cosa dovete conoscere il vostro consumo, recandovi
al contatore del GAS e prendere nota del numero indicato in figura.
(sarà un numero a 4,5,6 o 7 cifre comunque prima della virgola)
Poi reperire da una bolletta il vostro codice cliente.

autolettura


Come comunicaci la tua lettura

Comunicaci la tua lettura tramite il numero verde
800.97.82.02

Accedi all’area clienti e compila l’apposito form
Area clienti




separator



Nuovo allacciamento

Collega l’unità immobiliare alla rete di distribuzione.

La Richiesta di allacciamento (o Richiesta di Preventivo) è la richiesta per la costruzione del tratto di tubazione che va dalla rete principale al punto di consumo del Cliente (ovvero dove verrà posto il misuratore). Si applica nei casi in cui l’unità immobiliare per la quale si richiede la fornitura del gas non sia collegata alla rete di distribuzione.


Come richiedere
La Richiesta di preventivo può essere effettuata presso gli sportelli Gesam oppure
tramite lettera, telefono, fax o compilando l’apposito modulo on line.



Il sopralluogo e l’emissione del preventivo sono completamente gratuiti.

Documentazione da fornire


Il personale della Gesam provvederà a fissare un appuntamento per effettuare il sopralluogo che sarà effettuato da personale tecnico,
allo scopo di valutare i costi di allacciamento ed in tale occasione verranno fornite indicazioni circa il posizionamento e
le misure del vano (nicchia) di alloggiamento del contatore, nonché del tipo di armadietto o sportello di protezione.


A seguito del sopralluogo verrà inviato il Preventivo di spesa per allacciamento.
Unitamente al preventivo, qualora prevista, viene inviata anche la richiesta dell’autorizzazione ad eseguire i lavori
che dovrà essere firmata dal proprietario dell’immobile e restituita al momento del pagamento del preventivo.


Tipologia di uso del gas
· Uso domestico (cottura cibi e/o produzione acqua calda)
· Uso promiscuo (cottura cibi e riscaldamento individuale e/o produzione acqua calda)
· Altri usi (artigianali, commerciali, industriali, ecc.)




separator



Nuova fornitura

Stipula un nuovo contratto.

Prima di sottoscrivere il contratto di nuova fornitura gas (misuratore non presente) il Cliente deve accertarsi che l’unità immobiliare
sia collegata alla rete di distribuzione gas e di essere in possesso di tutta la documentazione richiesta.
Nel caso in cui non sia presente l’allacciamento alla rete gas è necessario effettuare la Richiesta di Allacciamento.
Nel caso in cui il contatore sia già presente è necessario effettuare una Voltura (se il contatore è aperto) una Riapertura (se il contatore è chiuso).


Contratto per uso domestico

Come richiedere
La Richiesta di preventivo può essere effettuata presso gli sportelli Gesam oppure
tramite lettera, telefono, fax o compilando l’apposito modulo on line.


pdf icon  Vai al form on-line


Le spese per la stipula del nuovo contratto consistono nel pagamento del deposito cauzionale e delle spese contrattuali, che verranno addebitate sulla prima bolletta emessa.

Documentazione da fornire


Contratto per uso commerciale

Come richiedere
Per richiedere la stipula di un nuovo contratto per usi non domestici (riscaldamento centralizzato, uffici, attività commerciali, industriali, agricole e artigianali, comunità, scuole, convitti, ospedali, ecc.) il legale rappresentante (o un suo delegato)
 deve recarsi presso gli sportelli Gesam Gas & Luce o comunicare tutto tramite lettra, fax o compilando l'apposito modulo on line.

Documentazione da fornire




separator



Riapertura misuratore

Sottoscrizione di un nuovo contratto.

La riapertura del misuratore consiste nella sottoscrizione di un nuovo contratto nel caso in cui sia presente un misuratore sigillato per disdetta del Cliente precedente.


Contratto per uso domestico

Come richiedere
Per richiedere la Riapertura del misuratore per usi domestici il cliente può recarsi presso gli sportelli Gesam Gas & Luce o comunicare tutto tramite lettra, fax o compilando l'apposito modulo on line.


pdf icon  Vai al form on-line


Contratto per uso commerciale

Come richiedere
Per richiedere la Riapertura del misuratore per usi non domestici il legale rappresentante (o un suo delegato)
deve recarsi presso gli sportelli Gesam Gas & Luce o comunicare tutto tramite lettra, fax o compilando l'apposito modulo on line.

Documentazione da fornire




separator



Subentro e Voltura

Cambia l’intestatario del contratto.

La Voltura è la sottoscrizione di un nuovo contratto che avviene contestualmente alla disdetta da parte del precedente intestatario o per mortis causa.
La voltura può essere richiesta su contatore aperto o chiuso.

Voltura su contatore aperto

Come richiedere
Per richiedere una voltura il nuovo cliente può recarsi presso gli sportelli Gesam Gas & Luce o comunicare tutto tramite lettera, telefono, fax o compilando l'apposito modulo on line.
Le spese per la voltura consistono nel pagamento del deposito cauzionale da parte del nuovo intestatario del contratto
e sono addebitate sulla prima bolletta emessa.

I dati necessari per la voltura per usi domestici sono

I dati necessari per la voltura Mortis Causa sono 



pdf icon  Vai al form on-line


Per le richieste telefoniche e online, tutta la documentazione riguardante la voltura (nuovo contratto, disdetta, ecc.) verrà inviata per posta al nuovo cliente che dovrà restituirla, compilata e firmata entro 30 giorni dalla data del contratto a Gesam Gas per conferma.
In caso contrario la richiesta di voltura sarà annullata.
Non domestici
Per gli usi non domestici dovrà essere allegata alla documentazione autocertificazione riguardante l’iscrizione alla C.C.I.A.A.
e eventuale richiesta delle agevolazioni fiscali con relativa documentazione.

Voltura su contatore chiuso

Vedere Riapertura misuratore




separator



Verifica Funzionalità

La verifica della funzionalità del proprio contatore può essere richiesta a Gesam Gas & Luce inoltrando apposita comunicazione all’indirizzo servizio.clienti@gesam.it oppure al n° di fax 0583 418382
Gesam Gas darà corso a tale richiesta tramite il distributore locale, al termine della verifica verrà rilasciata la relativa attestazione.


pdf icon  Vai al form on-line




separator



Modifica Impianto e Variazione di Potenza

Richiedi lo spostamento o la modifica della potenza/portata del tuo contatore gas.


Per effettuare tale variazione occorre effettuare la richiesta di sopralluogo da parte di un tecnico Gesam, la richiesta può essere anche telefonica al n° 0583 1861201.

Il tecnico valuterà se occorrono o meno dei lavori di adattamento degli impianti alle nuove esigenze:


In caso di modifica parziale dell'impianto il cliente deve:

- Pagare il preventivo inviato dalla GESAM.
- Consegnare alla Gesam l’autorizzazione, firmata dal Proprietario dell’immobile, ad eseguire i lavori (il modello è allegato al preventivo).
- A lavoro eseguito il Cliente deve sottoscrivere il contratto di fornitura consegnando il RAPPORTO DI PROVA VERIFICA DELLA TENUTA DELL'IMPIANTO INTERNO AI SENSI DELLA UNI - 11137


In caso di impianto completamente NUOVO il cliente deve:

- Pagare il preventivo inviato dalla GESAM.
- Consegnare alla Gesam l’autorizzazione, firmata dal Proprietario dell’immobile, ad eseguire i lavori (il modello è allegato al preventivo).
- A lavoro eseguito il Cliente deve sottoscrivere il contratto di fornitura contestualmente il nostro ufficio commerciale provvederà a consegnare gli allegati H, I e quelli obbligatori in quanto la pratica è soggetta ad accertamento ai sensi della delibera 40/04.




separator



Cessazione Contratto

Arresto della fornitura

La domanda di cessazione della fornitura può essere effettuata dall'intestatario del contratto presso gli sportelli Gesam oppure tramite lettera, telefono o fax


pdf icon  Scarica il modulo di disdetta


In ogni caso il Cliente deve fornire:
- codice cliente o fotocopia di una bolletta
- codice fiscale
- recapito telefonico
- l'indirizzo presso cui deve essere recapitata la bolletta di cessazione (con la restituzione del deposito cauzionale)


Nel caso di contatore interno il personale della Gesam provvederà a fissare un appuntamento per la chiusura del contatore.


pdf icon  Vai al form on-line




separator



Cambio fornitore

In caso di cambio fornitore, per richiedere la stipula di un nuovo contratto e passare a Gesam Gas & Luce, il cliente può recarsi presso gli sportelli Gesam, telefonare al n° 0583 1861201 o direttamente compilando il form on-line.


pdf icon  Vai al form on-line


Documentazione da fornire:

- Codice fiscale dell’intestatario del contratto
- Documento di identità dell’intestatario del contratto
- Eventuale delega nel caso in cui il contratto venga sottoscritto da una persona diversa dal nuovo intestatario del contratto.
- Dati catastali dell'immobile
- Certificato di iscrizione alla Camera di Commercio se trattasi di azienda con P.IVA (o relativa autocertificazione)
- Eventuale documentazione per la richiesta di agevolazioni fiscali




separator



Agevolazioni fiscali

Riduzione dell'imposta di consumo e addizionale

Le attività sotto elencate che usino il gas naturale per impieghi attinenti lo svolgimento dell'attività produttiva possono richiedere la riduzione dell'imposta di consumo e dell'addizionale regionale. L'agevolazione consiste nell'applicazione di una imposta inferiore a quella ordinaria.


Sono agevolabili i seguenti utilizzi:

- Sono agevolabili i seguenti utilizzi: per attività artigianali, industriali produttive di beni e servizi, alberghiere, di ristorazione, distribuzione commerciale.
- Negli impianti sportivi adibiti esclusivamente ad attività dilettantistiche e gestiti senza fine di lucro,
nelle attività ricettive svolte da istituzioni non aventi fine di lucro, finalizzate all'assistenza dei disabili, degli orfani, degli anziani e degli indigenti.
- Usi Ospedalieri (Circolare Agenzia delle Dogane Protocollo 77415 RU del 30-07-2014).
- Per ottenere tale agevolazione, per tutti gli usi descritti sopra, il cliente deve effettuare la richiesta compilando apposito modulo predisposto da Gesam e disponibile presso gli sportelli.


Il diritto all'agevolazione decorre dalla data di consegna della richiesta.

- Esenzione dell'imposta di consumo e addizionale regionale.
- Hanno diritto all'esenzione gli usi istituzionali delle forze armate nazionali (esenzione addizionale regionale e imposta sostitutiva) ed estere aderenti al patto NATO nonché le rappresentanze diplomatiche (esenzione addizionale regionale, imposta sostitutiva e accisa).
- Per ottenere l'esenzione occorre presentare o inviare una semplice richiesta allegando idonea documentazione atta a dimostrare di avere tale diritto.
- Riduzione di aliquota IVA.
- Hanno diritto all'Iva con aliquota ridotta al 10% le imprese estrattive, manifatturiere, comprese le imprese poligrafiche, editoriali ed agricole. Possono ottenere la riduzione dell'aliquota IVA anche le imprese produttrici di energia.
- Per ottenere la riduzione dell'aliquota IVA al 10%, le imprese estrattive, manifatturiere, poligrafiche, editoriali ed agricole devono presentare la seguente domanda distinta per attività e sottoscritta dal legale rappresentante.
- Non imponibile aliquota IVA.
- Hanno diritto alla non imponibilità: gli esportatori abituali previa apposita dichiarazione d'intento come previsto dalla normativa Iva in vigore; le rappresentanze diplomatiche; i comandi militari degli Stati membri Nato.
- L’applicazione dell’aliquota dell’accisa prevista per le Forze Armate Nazionali è disponibile cliccando sul seguente modulo.




separator



Sicurezza contatore

Poche semplici regole per una manutenzione ottimale.

Effettuare controlli periodici da tecnici specializzati su tutto l'impianto e le apparecchiature
a gas, garantendo adeguata areazione, idoneo tiraggio e tenuta dell'impianto.

Prime regole
Manutenzione e attenzione

Chiudere il rubinetto principale del gas quando in casa non c'è nessuno
Controllare che le tubature di gomma non siano screpolate, deformate, o scadute.
Sorvegliamo le pentole sui fornelli, evitando che liquidi fuoriescano e spengano la fiamma, o che i grassi vi si accumulino.
Non avvicinare materiali infiammabili vicino ai fornelli.
Nel caso che il fornello sia vicino ad una finestra, assicurarsi che la tenda non vada troppo vicino alla fiamma.
Effettuare controlli periodici da tecnici specializzati su tutto l'impianto e le apparecchiature a gas, garantendo adeguata areazione,
idoneo tiraggio e tenuta dell'impianto.


Un po’ di info utili
Cos’è il gas?
“Con il nome di gas combustibili si intendono quei prodotti gassosi della cui combustione l'uomo si serve come sorgente di calore e di luce.
Possono essere naturali e artificiali.”


Cosa fare se?
“Aprire tutte le finestre o le vie di fuga per disperdere le tracce di gas nell'ambiente e ripristinare un' aria respirabile.”


La convenienza del gas
“Di fronte alle crescenti esigenze di razionalizzazione dei consumi energetici e di salvaguardia dell'ambiente dall'inquinamento atmosferico,
il metano ha assunto un ruolo primario tra le fonti di energia.”




separator



Accertamenti di sicurezza

1 - Premessa

La delibera dell'Autorità per l'Energia Elettrica e il Gas n. 40/2014, come già in precedenza la delibera nr. 40/04, si pone come principale obiettivo quello di accertare che l'impianto di utenza gas sia stato eseguito e sia mantenuto in stato di sicuro funzionamento nei riguardi della pubblica incolumità.
Con "impianto di utenza" l'Autorità per l'Energia Elettrica e il Gas intende: "il complesso costituito dall'insieme delle tubazioni e dei loro accessori dal punto di consegna del gas agli apparecchi utilizzatori, questi esclusi, dall'installazione e dai collegamenti dei medesimi, dalle predisposizioni edili e/o meccaniche per la ventilazione del locale dove deve essere installato l'apparecchio, dalle predisposizioni edili e/o meccaniche per lo scarico all'esterno dei prodotti della combustione".

Il presente regolamento si applica agli impianti di utenza alimentati a gas per mezzo di reti canalizzate per uso NON TECNOLOGICO ai sensi del TISG (riscaldamento, cottura cibi, produzione acqua calda sanitaria, condizionamento), fermo restando quanto previsto da altre leggi e norme tecniche vigenti.

A far data dal 01-07-2014 la verifica documentale verrà effettuata per tutte le richieste di attivazione o riattivazione fornitura per impianti di utenza nuovi di cui al Titolo II e per impianti di utenza modificati o trasformati di cui al Titolo III. Sono esclusi dal presente regolamento le seguenti tipologie:

- riattivazione della fornitura a seguito di sospensione a impianto di utenza nuovo effettuata in attuazione del presente regolamento;
- riattivazione della fornitura a seguito di sospensione per morosità;
- riattivazione della fornitura a seguito di sospensione su disposizione delle Autorità competenti o per situazione di pericolo;
   volture;
- riattivazione della fornitura a seguito della sostituzione del contatore, in casi diversi dalla variazione della portata termica complessiva
- riattivazione della fornitura di impianti di utenza precedentemente disattivati per cessazione o disdetta del contratto di fornitura e    non modificati.
Per ulteriori informazioni e/o approfondimenti sull’argomento consultare: http://www.autorita.energia.it/it/docs/14/040-14.htm

ATTIVITA' DI ACCERTAMENTO DELLA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI DI UTENZA A GAS NUOVI DOPO L'ENTRATA IN VIGORE DEL D.M. N. 37/2008

A seguito dell’entrata in vigore ( 27 marzo 2008 ) del D.M. del 22-01-2008 n. 37 informa che sono state introdotte sinteticamente le seguenti novità alla procedura in essere, relativa alla richiesta di attivazione di un impianto di utenza nuovo:

1. la estensione del campo di applicazione della disciplina a tutte le categorie di edifici privati e pubblici, qualunque ne sia la destinazione d’uso.
2. è stato introdotto in via generale il principio della redazione del progetto, per l’installazione, la trasformazione e l’ampliamento di tutti gli impianti, ne vengono previsti due tipi: uno semplificato, che può essere redatto da responsabile tecnico dell’impresa installatrice, e uno più complesso, sottoscritto da un professionista iscritto begli albi professionali secondo le specifiche competenze tecniche e previsto per impianti di un certo rilievo – impianti […] relativi alla distribuzione e l'utilizzazione di gas combustibili con portata termica superiore a 50 KW o dotati di canne fumarie collettive ramificate […]
3. il committente o il proprietario, che alla data di entrata in vigore del decreto non siano in possesso della dichiarazione di conformità, sono tenuti ad acquisire un attestato di rispondenza dello stato dell’impianto alla regola d’arte rilasciato rispettivamente, da un professionista abilitato ed iscritto all’Albo che abbia esercitato la professione per almeno cinque anni, per gli impianti al di sopra delle soglie per la progettazione obbligatoria, e per le altre classi di impianti al di sotto delle medesime soglie, da un soggetto che ricopre, da almeno 5 anni, il ruolo di responsabile tecnico di un'impresa abilitata, operante nel settore impiantistico a cui si riferisce la dichiarazione.
4. il committente, entro 30 giorni dall’allacciamento di una nuova fornitura di gas, […], negli edifici di qualsiasi destinazione d’uso, dovrà consegnare al Distributore o al venditore copia della dichiarazione di conformità dell’impianto o copia della dichiarazione di rispondenza sostitutiva. Copia della stessa dichiarazione dovrà essere consegnata anche nel caso di richiesta di aumento di potenza impegnata a seguito di interventi sull’impianto. Decorso il termine di 30 giorni senza che sia prodotta la dichiarazione di conformità, il fornitore o il Distributore, previo congruo avviso, sospende la fornitura.

Per maggiori dettagli e approfondimenti si rende disponibile e scaricabile nel seguito una copia del provvedimento pdf icon 

Stante quanto premesso, ogni richiesta di attivazione/riattivazione di un impianto soggetto ai disposti della Delibera nr. 40/2014 a partire dall’1 luglio 2014 dovrà essere corredata dalla nuova modulistica di seguito specificata. Ogni eventuale ulteriore informazione potrà essere acquisita telefonando negli orari di ufficio al numero 0583-54011.

2 - A far data dal 01 luglio 2014

Una volta richiesta l'attivazione della fornitura alla nostra società, a seguito di stipulazione del contratto di fornitura, il cliente finale invia o consegna i moduli sotto indicati, alla azienda di distribuzione al seguente indirizzo:

GESAM S.p.A.
Via Lorenzo Nottolini, 34 – 55100
S. Concordio - LUCCA
Il modulo H, deve essere debitamente compilato dal Venditore nella sezione di pertinenza, e dal Cliente Finale per la restante parte di competenza;
Il modulo I, deve essere debitamente compilato dal Venditore nella sezione di pertinenza e dall’installatore incaricato della messa in servizio dell’impianto nelle sezioni pertinenti, completo di firma e timbro in originale.
Si precisa che la documentazione di cui sopra dovrà essere trasmessa completa di tutti gli allegati obbligatori  richiesti dalle vigenti disposizioni di legge in merito, unitamente al certificato di riconoscimento dei requisiti tecnico-professionali dell’Installatore. pdf icon

A maggior chiarimento si allega una lettera nella quale si illustra la procedura che il Cliente Finale dovrà seguire, dopo la realizzazione dell’allacciamento da lui richiesto, per ottenere celermente e senza disguidi l’attivazione della fornitura di gas.


Modulo F - Allegato informativo per richieste di preventivazione di lavori pervenute al venditore pdf icon


Acquisita la documentazione agli atti dell’Azienda Distributrice, la stessa sarà sottoposta ad accertamento al fine di verificare se l’impianto a cui attivare/riattivare la fornitura di gas è stato installato nel rispetto delle norme di sicurezza secondo i disposti delle Linee Guida CIG. Nr 11 pdf icon


In caso di esito positivo dell'accertamento, l’Azienda Distributrice provvederà ad attivare/riattivare la fornitura al fine di consentire all’Installatore di effettuare le prove di sicurezza e funzionalità degli impianti. Il cliente finale avrà cura di contattare l’Installatore che effettuerà le prove di sicurezza e funzionalità degli impianti. Il cliente finale si impegna a non utilizzare l’impianto di utenza in oggetto fino a che l’installatore non gli abbia rilasciato la Dichiarazione di conformità di cui al DM 22 gennaio 2008, n. 37; solleva il Distributore da ogni responsabilità per incidenti a persone e cose derivanti dalla violazione della presente clausola.

L’Installatore è tenuto a segnalare al Distributore l’eventuale esito negativo di tali prove.

Il Distributore, qualora gli pervenga segnalazione scritta da parte dell’installatore dell’esito negativo delle prove di sicurezza e funzionalità eseguite a seguito dell’attivazione della fornitura, sospende la fornitura di gas ed invia al Cliente Finale, e per conoscenza al relativo Venditore, una comunicazione scritta in cui:
- notifica la segnalazione dell’Installatore;
- segnala la necessità di presentare una nuova richiesta di attivazione della fornitura, solo dopo aver provveduto all’eliminazione delle non conformità alla legislazione vigente.
- Addebita al venditore un importo di € 35.00.


L'Autorità prevede, per l'attività di accertamento, l'addebito dei seguenti importi unitari al netto delle imposte:


- Euro 47,00 per ogni impianto di utenza accertato con portata termica complessiva minore o uguale a 35 kW;
- Euro 60,00 per ogni impianto di utenza accertato con portata termica complessiva maggiore di 35 kW e minore e uguale a 350 kW;
- Euro 70,00 per ogni impianto di utenza accertato con portata termica complessiva maggiore di 350 kW;


In caso di esito negativo dell'accertamento, l’Azienda di Distribuzione, due giorni lavorativi prima dell'appuntamento per la collocazione del contatore, invia una comunicazione recante l'annullamento dell'appuntamento, le motivazioni dell'esito negativo e indica le non conformità alle norme tecniche vigenti alla società di Vendita. Per ottenere l'attivazione il Cliente Finale deve far eliminare dall’Installatore le anomalie riscontrate e tramite il Venditore riformulare una nuova richiesta di attivazione, fornendo la documentazione da sottoporre ad un nuovo accertamento che, come il primo, richiede il pagamento del relativo corrispettivo.